IT - EN
Sostenibilità

SostenibilitàLa strategia di sostenibilitàAnalisi di materialità

Per l’individuazione delle priorità strategiche di sostenibilità, oltre che per la definizione dei contenuti della Dichiarazione consolidata Non Finanziaria, il gruppo Recordati nel corso del 2020 ha aggiornato l’analisi di materialità, volta a identificare, in applicazione dello standard di rendicontazione emesso dal Global Sustainability Standard Board del Global Reporting Initiative (GRI), gli aspetti materiali di sostenibilità che possono influenzare significativamente le decisioni e le opinioni degli stakeholder, nonché le performance dell’Azienda.

La Matrice di Materialità è, infatti, uno strumento importante per indentificare le tematiche di sostenibilità più rilevanti dal punto di vista dell’Azienda e degli stakeholder. È alla base della predisposizione della Dichiarazione consolidata Non Finanziaria e aiuta ad individuare i fattori ESG, ossia di natura ambientale, sociale e di governance, su cui concentrare strategie e azioni. 

La Matrice di Materialità non è uno strumento statico ma richiede periodici aggiornamenti in relazione alle evoluzioni dello scenario di riferimento, megatrend, tematiche emergenti, evoluzione del grado di maturità della sostenibilità in azienda. E’ per questo che il Gruppo ha valutato importante, a distanza di 3 anni dalla prima analisi, avviare un’attività di aggiornamento, in conformità con quanto richiesto dello standard di rendicontazione GRI. 
L’attività di aggiornamento della Matrice di Materialità, effettuata dalla funzione Environmental, Social & Governance, con il supporto di una riconosciuta società di consulenza specializzata, ha implicato lo sviluppo e l’implementazione di diverse fasi progettuali, nello specifico: 

    • Analisi preliminari 
    • Stakeholder engagement 
    • Coinvolgimento del Top Management
    • Definizione e approvazione della Matrice di Materialità 2020

Analisi preliminari

Nella fase inziale, il Gruppo ha svolto delle analisi preliminari con l’obiettivo di monitorare ed individuare i principali temi materiali a livello internazionale e del proprio settore di riferimento.
La fase di identificazione degli aspetti di sostenibilità potenzialmente rilevanti per il settore e per la realtà di Recordati si è basata sull’analisi di diverse fonti informative, tra le principali: documentazione aziendale (Codice Etico, mappa dei rischi, ecc), documenti esterni di analisi di scenario e ricerche sulle politiche di sviluppo sostenibile (ad esempio, report elaborati dal World Economic Forum),  analisi di benchmarking dei principali competitor e attività di ricerca su internet.  Sono state inoltre considerate iniziative multi-stakeholder e standard internazionali di gestione e rendicontazione delle politiche d’impresa per lo sviluppo sostenibile, quali gli standard GRI e SASB.  Nell’analisi generale sono state anche tenute in considerazione le principali richieste delle agenzie di rating ed analisti ESG e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. 

I risultati ottenuti dall’analisi preliminare, confrontati anche con i temi materiali presenti nella precedente Matrice, hanno permesso al Gruppo di definire la lista delle tematiche potenzialmente materiali da sottoporre a valutazione degli stakeholder e del Top Management.

Stakeholder engagement

Tra i mesi di settembre e novembre 2020, il gruppo Recordati ha svolto un’attività di stakeholder engagement, coinvolgendo ed ascoltando il punto di vista dei propri stakeholder, con l’obiettivo di rendere il processo di aggiornamento della propria Matrice di Materialità ancora più robusto, in linea con le best practice e i principali framework di sostenibilità, in particolare in conformità con quanto richiesto dallo Standard GRI.
A tal fine, sulla base delle risultanze dell’analisi preliminare, è stato predisposto un questionario online che è stato inviato ad un panel di circa 150 destinatari, appartenenti a tutte le categorie di stakeholder, precedentemente individuato in stretta collaborazione con le funzioni aziendali. Gli stakeholder hanno valutato le singole tematiche attribuendo una votazione su una scala da 1 a 5 e hanno pertanto contribuito a definire la prioritizzazione dei temi in base alla rilevanza assegnata. Nel questionario è stato inoltre chiesto di segnalare eventuali integrazioni ai temi individuati. 

Le attività di stakeholder engagement svolte hanno permesso di includere nella Matrice di Materialità il punto di vista dei propri stakeholder e individuare in modo più puntuale le tematiche materiali su cui gli stakeholder del Gruppo si aspettano un impegno costante ed un’azione concreta da parte di Recordati, in conformità con il principio guida di inclusività degli stakeholder del Global Reporting Initiative.

Interviste al management

Oltre al coinvolgimento degli stakeholder, il gruppo Recordati ha avviato un’attività di coinvolgimento del Top Management al fine di individuare i temi materiali prioritari dal punto di vista del Gruppo. Il Top Management è stato coinvolto sia attraverso meeting one-to-one, sia attraverso la compilazione di un questionario on – line. Anche al Top Management è stato chiesto di esprimere una valutazione delle singole tematiche su una scala da 1 a 5 e di segnalare eventuali integrazioni ai temi individuati. 

Creazione della Matrice di Materialità 2020 

Nella fase finale del processo di aggiornamento della Matrice di Materialità, il Gruppo ha avviato un processo di rielaborazione dei dati e di sintesi dei risultati emersi dalle attività di valutazione dei temi materiali da parte degli stakeholder e del Top Management. Tale attività ha consentito di attribuire un ranking specifico ai temi materiali e di prioritizzarli all’interno della nuova Matrice di Materialità 2020 del Gruppo Recordati.
I risultati dell’analisi sono stati discussi con il vertice aziendale e, successivamente, la nuova Matrice di Materialità è stata condivisa con il Comitato Controllo, Rischi e Sostenibilità e con il Consiglio di Amministrazione.
 
La Matrice di materialità rappresenta le 17 tematiche* risultate materiali sulla base della loro rilevanza in ambito economico, sociale e ambientale sia per il gruppo Recordati, sia per gli stakeholder di riferimento. In particolare, la Matrice evidenzia il grado di rilevanza attribuito alle tematiche secondo la prospettiva del management nell’asse orizzontale “Rilevanza per il gruppo Recordati”, e secondo la prospettiva degli stakeholder nell’asse verticale “Rilevanza per gli Stakeholder”. Le tematiche materiali sono state raggruppate in cinque aree specifiche in base agli impatti generati su diverse categorie di stakeholder: etica ed integrità, responsabilità verso i pazienti, attenzione alle persone, protezione ambientale e approvvigionamento responsabile. Le tematiche rilevanti individuate all’interno della Matrice di Materialità sono trattate ed approfondite nei capitoli successivi all’interno della presente Dichiarazione in conformità con lo standard di rendicontazione e con quanto previsto dal D.lgs. 254/2016. Si precisa che gli aspetti legati alla «Governance», alla «Conformità normativa» e alla «Gestione dei rischi» non sono stati inclusi nella proposta finale tra le tematiche materiali per il Gruppo in quanto tali aspetti sono considerati prerequisiti essenziali per la capacità di Recordati di continuare a generare valore e per tale motivo sono comunque oggetto di rendicontazione all’interno della Dichiarazione consolidata Non Finanziaria. 
 
*Tra le principali novità della nuova Matrice del gruppo Recordati rispetto alla precedente versione, oltre allo svolgimento dell’attività di Stakeholder Engagement e alla prioritizzazione dei temi, si evidenziano alcuni rewording (per rendere più specifici alcuni temi), una maggiore razionalizzazione delle tematiche effettuata anche tramite degli accorpamenti (ad esempio il tema “Diritti Umani” non è stato considerato un tema a sé stante ma è stato trattato in altre tematiche come “Approvvigionamento responsabile”, “Etica di business, integrità e lotta alla corruzione”, “Diversità e pari opportunità” e “Ricerca e sviluppo”) e una maggiore specificità e caratterizzazione dei temi (ad esempio nel cluster ambientale sono emersi i temi specifici “Lotta al cambiamento climatico” e “Gestione delle risorse idriche”, precedentemente contenuti in “Tutela dell’ambiente” e “Utilizzo efficiente delle risorse”). Nell’analisi sono inoltre emersi nuovi temi come “Sostenibilità di prodotto” e “Privacy e protezione dei dati”.